Baby Boom

CONDIVIDI INVIA STAMPA

Incinta e con un gatto in casa

Come evitare il rischio della toxoplasmosi se si aspetta un bambino e si ha un gatto in casa

Incinta e con un gatto in casa - Come evitare il rischio della toxoplasmosi se si aspetta un bambino e si ha un gatto in casa
Fotogallery
La toxoplasmosi è un’infezione parassitaria causata dal Toxoplasma Gondii, un minuscolo protozoo; nella maggior parte dei casi contrarre quest’infezione non comporta alcun rischio, ma diventa un pericolo serio se la persona in questione è in gravidanza. Questa malattia infatti può provocare malformazioni oculari, viscerali e cerebrali al feto. I principali rischi sono legati alla pulizia inaccurata degli alimenti, da mangiare solo dopo averli lavati per bene e cotti a puntino; possono rappresentare un pericolo però anche i gatti. Questi animali infatti possono contrarre la toxoplasmosi mangiando la carne di animali infetti – che si procurano magari cacciando piccoli uccellini o topolini- e contaminare l’ambiente circostante tramite le feci.

Per prevenire il rischio di toxoplasmosi, è bene quindi controllare la salute del gatto con un apposito test dal veterinario, ed effettuare su sé stesse il toxo-test, peraltro un’analisi di routine che rientra nella normale prassi ginecologica. L’analisi viene effettuata attraverso il prelievo del sangue: se rivela che la malattia è stata già contratta e superata in passato, non correte più alcun rischio. Il test dovrà essere ripetuto ogni mese nel caso di assenza di anticorpi, e, nel frattempo, bisognerà prendere alcune precauzioni: controllate che il vostro gatto non “cacci” animaletti, offrendogli solo il cibo in scatoletta, e delegate a qualcun altro il compito di pulirgli la lettiera; impeditegli il più possibile di dormire sui cuscini e sui letti, e non fatelo uscire in giardino. In giardino, quando vi occupate delle vostre piante, usate sempre i guanti.

Se il vostro è un gatto domestico, abituato a vivere in appartamento, le probabilità che abbia la toxoplasmosi sono molto basse; sono da tenere in considerazione invece se si tratta di un gatto che ama “fuggire” da casa e girovagare, o di un ex randagio.



Leggi anche:

I denti del tuo bambino


 


Fabia Fleri - Nexta

Data: 23/5/2012 Visto: 5151


 
  Sono  
Età / Con foto
Regione
 
Correlati Foto
Giù le zampe dal divano! Giù le zampe dal divano!
Educalo a non farsi le unghie sull'arredamento di casa
Bambini e gatti: cosa fare? Bambini e gatti: cosa fare?
Come reagiscono i gatti quando arriva un nuovo cucciolo?
Un gatto per la nostra salute Un gatto per la nostra salute
Chi lo ha detto che il migliore amico dell'uomo è il cane?
Facebook Popolari Amici

Fai Bingo

Bastano soltanto 10 centesimi per vincere migliaia di Euro